MESSAGGI DAL CIELO

«Dai messaggi ricevuti da Mons. Ottavio Michelini
Il mondo e la stessa mia Chiesa hanno raggiunto un tale livello di pervertimento morale e spirituale non più tollerabile dalla Divina Giustizia. -- QUESTA GENERAZIONE CHE HA SUPERATO OGNI MISURA DEL PECCATO RICHIEDE LA MIA SANTA GIUSTIZIA, BUSSA ALLA PORTA DELLA MIA IRA E IO HO CEDUTO IL BRACCIO DELLA MIA GIUSTIZIA A TUTTA LA CREAZIONE.
-----------------------------------
La signora Luz de Maria de Bonilla è originaria dell'America Latina, sposata con figli, e già da più di 20 anni riceve messaggi da nostro Signore Gesù e dalla nostra Santissima Madre Maria, offrendo insegnamento, profetizzando e avvertendo a proposito di avvertimenti drammatici per l'umanità.
------------------------------------------------------------------------La Mia Legge è una, la stessa di ieri, di oggi e di sempre. I Miei Comandamenti non devono essere riformati, i Miei Comandamenti devono essere rispettati dal Mio Popolo. La Mia Legge è Una, come Una è la Mia Parola ed Una è la Sacra Scrittura. Non la dovete trasgredire, questo significherebbe che il Mio Popolo si solleva contro di Me. Dai messaggii a Luz de Maria : 18 Febbraio - 2015
---------------------------------------------
Per questo, il firmamento vi farà conoscere l’arrivo del preludio dell’Avvertimento: VEDRETE UN GRANDE SEGNO NEL CIELO, non vi danneggerà fisicamente, anche se l’impatto sarà grande, perché nell’oscurità, il cielo si illuminerà come mai era successo e come mai lo avete visto. Gli uomini di tutto il mondo sentiranno, vedranno e vivranno in una grande incognita, sapendo che questi segni anticipano l’Avvertimento. Messaggio del 25 Ottobre 2015 a Luz de Maria .
----------------------------------------------------------------------

ILDECALOGO NON È UN’INVENZIONE DELL’UOMO, È VOLONTÀ DIVINA.

Il male ha catturato prede importanti, tra le quali alcuni dei Miei Consacrati, per fare in modo che guidino i Miei verso l’abisso.Figli, poiché vi manca la conoscenza della Divina Volontà, andate avanti in continua oscillazione, andate da una parte all’altra, per poi rimanere ancorati nella disobbedienza, poiché seguite il male. Devo allertarvi che, in questo momento, come in passato: abbondano quelli che Mi tradiscono, quelli che accettando quanto è mondano, stanno consegnando i Miei figli nelle mani del male ed il Mio Popolo vi si consegna per mancanza di conoscenza della Mia Parola. Per ciascuno dei Miei figli è necessario un esame di coscienza, affinché non facciate parte di coloro che Mi tradiranno, smentendo la Mia presenza nell’uomo, smentendo la Mia Reale Presenza nell’Eucaristia, smentendo l’esistenza del male, negando il peccato e chiamandolo evoluzione.Questo, figli Miei è doloroso per Me, perché il comportarsi e l’agire al di fuori della Mia Legge, implica un cammino doloroso per l’uomo. La Fede viene tradita, l’Eucaristia viene attaccata, così come Mia Madre che sta trattenendo il demonio, affinché non si impossessi della Mia Chiesa. I Miei figli, nel loro ardente desiderio di ricerca, si aggrappano al peccato, compiacendo i loro più bassi istinti.

Leggi dal sito Ufficiale L' Articolo dato a Luz De Maria il 30 Dic. 2016 dà Gesù
(1) Il Grande Avvertimento di Dio all’umanità, leggere…
Leggiamo dal sito italiano


mercoledì 14 dicembre 2016

CONOSCETEMI! NON SONO UN DIO CASTIGATORE, SONO MISERICORDIA…SIETE VOI, POPOLO MIO, CHE VI FLAGELLATE CON LA STESSA DISATTENZIONE CON LA QUALE AGITE E CON LA VOSTRA VOLONTARIA IGNORANZA, CON LA QUALE VI RIBELLATE DI FRONTE A ME.

MESSAGGIO DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO
ALLA SUA FIGLIA AMATA, LUZ DE MARIA
FESTA DELLA MADONNA DI GUADALUPE
12 DICEMBRE 2016
 

 
Amato Popolo Mio:
 
MANTENETE LA CERTEZZA CHE IO VI PROTEGGO IN OGNI MOMENTO, SEMPRE CHE ME LO PERMETTIATE.
 
La Mia Misericordia è aperta per ricevere coloro che vengono a Me, pentiti dei loro peccati.  È necessario il fermo proposito di ammenda, affinché la persona ottenga la totale benedizione che implica il perdono del peccato.  
 
MIA MADRE È LA GRANDE INTERCEDITRICE DELL’UMANITÀ, PER QUESTO IL SOLE LA COPRE CON LA SUA LUCE ED IN QUESTO MODO FA RISPLENDERE QUELLO CHE LA SUA LUCE ILLUMINA E L’UNIVERSO NELLA SUA TOTALITÀ.

IN QUESTA LUCE MATERNA, CIASCUNO DI VOI È LATENTE.
 
Mia Madre guarda con dolore coloro che si sono distaccati dalla Luce del Suo Amore, per addentrarsi nell’oscurità, di libero arbitrio, non è Mia Madre che vi guida all’oscurità, ma è la testardaggine umana che non vi fa ubbidire, ma invece vi fa andare in costante disaccordo.
 
CON L’UMILTÀ CHE CARATTERIZZA MIA MADRE, LEI SI DÀ AL MIO POPOLO, IN UN AYATE* NEL QUALE È IMPRESSO IL GRANDE TESORO DELLA NOSTRA VOLONTÀ, chiamando tutti gli uomini al Nostro Santo Spirito, affinché non vivano in una falsa religiosità, ma nella grandezza dell’essere figli del Dio Vivo.  (*= Ayate: fibra d’agave, della quale è fatta la tilma sulla quale è ritratta della Madonna di Guadalupe.)

Ciascuno di voi deve addentrarsi su un cammino più sicuro, per rafforzare la Fede e per rendervi conto che quando l’uomo si dispone a fare affidandosi alla Nostra Trinità, la persona è in costante movimento e le sue opere e le sue azioni si diffondono quale benedizione per i propri fratelli.

Per questo Mia Madre, in questa Sua manifestazione non è stata rappresentata solo sulla terra, di modo che voi non limitiate la Sua Grandezza e Lei non guarda la terra solo dall’alto e da lontano, ma guarda il Creato dalla Volta Celeste, come un vigilante scrupoloso ed allo stesso tempo fa risplendere le stelle, così che illumino la notte a quei Suoi figli che vegliano senza dormire e non lasciano passare il momento.

È MIA MADRE, LA REGINA CELESTE, LA MADRE DEGLI ULTIMI TEMPI CHE GUIDA UN POPOLO INSENSATO, DISOBBEDIENTE, CAPRICCIOSO E ALLO STESSO TEMPO PAUROSO, CON UNA FEDE DEBOLE E VACILLANTE.
 
Mia Madre vi ama in quanto: Madre della Creazione, Madre di un’Umanità ribelle, che non presta attenzione ai Segni di questo momento, né si attiene ai Miei avvertimenti, affinché il male non vi inganni con la presenza dell’anticristo, che non è un’invenzione, ma è una realtà che la stessa Umanità, con grande ignoranza, è riuscita ad alimentare.

Amato Popolo Mio, Mia Madre vi porta a crescere, vi avvicina alla Nostra Trinità, risvegliandovi dal di dentro, risvegliando quello che avete nella profondità della vostra anima e che non avete portato alla prassi: i Doni e le Virtù che sono presenti in ogni essere umano, per il suo stesso bene e per quello dei propri fratelli.
 

CONOSCETEMI! NON SONO UN DIO CASTIGATORE, SONO MISERICORDIA…
SIETE VOI, POPOLO MIO, CHE VI FLAGELLATE CON LA STESSA DISATTENZIONE CON LA QUALE AGITE E CON LA VOSTRA VOLONTARIA IGNORANZA, CON LA QUALE VI RIBELLATE DI FRONTE A ME.
 
 
Verrà il momento in cui, sottomessi all’oppressione dell’impostore, carenti di tutto quello di cui avrete bisogno, sarete soggiogati e non avrete la libertà di dire una sola parola, gemerete in un gran pianto e digrigneranno i denti di coloro che si vorranno allontanare da dove più non potranno, finché le Mie Legioni li salveranno, se lo chiederanno.
 

NON DISPREZZATE MIA MADRE, FIGLI MIEI, LEI PORTA IL MIO POPOLO VERSO LA VERA LIBERTÀ.
 
 
Dopo questo momento di crescente dolore e dopo essere passati per il crogiolo, giungerà la liberazione del Mio Popolo e Mia Madre sconfiggerà il male.

Popolo Mio, preparatevi! Questo momento richiede che siate uomini e donne di Fede, di prassi, di una Fede incrollabile, non solo per voi stessi, ma al servizio dei Miei.   Avete bisogno di una Fede che vi porti a gustare delle Cose Divine e non di quanto è passeggero.

Siate persone di bene, non sottovalutate quanto vi porta a cadere con troppa frequenza: la lingua.  Ah, figli, come uccidete con la lingua, come condannate con la lingua! NO, questa non è opera di un Mio figlio, dovete capire che non di solo pane vive l’uomo, ma anche della parola uscita dalla vostra bocca.

La Parola è benedizione oppure condanna, non voglio opere morte ma reali e vere. Chi causa danno al proprio fratello, chi non si stanca di diffamare un fratello o di calunniarlo, " È meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e venga gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli." (S. Luca 17,2)
 
Voi non state badando alle Mie Parole, le prendete alla leggera e per questo continuate a fare errori così grandi che vi tengono costantemente sulla bilancia che pesa le opere e gli atti dell’uomo. 

POPOLO MIO, VIVETE NELLA MIA VERITÀ, NON GIUDICATE MA AMATE, RIPARATE ED AMATE…

 IL MIO AMORE VINCE OGNI OSTACOLO.
 
Non siate come quelli che Mi dicono: “Signore, Signore” e massacrano i propri fratelli.

Amatevi come la Nostra Trinità vi ama, rispettatevi a vicenda, non siate di quelli che pensano di agire nel bene ed invece sono pietre di inciampo per i propri fratelli.  Non siate motivo di contese, perché questo è quello che il demonio suscita negli uomini, per invadere il pensiero ed ottenebrare il cuore.

State vivendo momenti di confusione, di grande confusione.  Non lasciatevi ingannare.

Pregate, affinché non siate ingannati.

Io vi chiamo quale Pastore di anime, il Mio Gregge sta attento alle Mie Chiamate.  Io Sono libertà e pace.

Guardate in alto, dall’alto si sta avvicinando la purificazione, il fuoco si accenderà sulla terra ed i Miei figli si rammaricheranno per questo.
 

Pregate, figli Miei, pregate per il Cile, continuerà ad essere scosso.
 
Pregate per il Perù, piangerà per effetto della Natura, tremerà.
 
Pregate per la Francia, i Miei figli non troveranno pace, vivranno nell’inquietudine. 
 
Pregate per l’Indonesia, il grande vulcano si risveglierà, così come accadrà in Sicilia.
 
Pregate per il Messico, questo Popolo di Mia Madre, che si ribella, minimizza la vita umana ed arde nel vizio immorale, verrà scosso e sarà messo in ginocchio dai suoi vulcani.
 
 
Popolo Mio, guarda tua Madre risplendente, che ti chiama con sollecitudine a prepararti in spirito e verità, non ad accontentarti della mediocrità, ma ad addentrarti in quanto ti faccia svegliare e crescere nello spirito.

La conoscenza non è indebita, se la si trova in Me…
La conoscenza non è indebita, se è per crescere e non per decrescere…

DOVETE RAGIONARE PER RIUSCIRE A DISTINGUERE TRA QUANTO È BUONO E QUANTO È INDEBITO, QUESTO NON È UNO DEI TANTI MOMENTI, FIGLI, QUELLO IN CUI VI TROVATE È L’ISTANTE DEGLI ISTANTI.  
 
Il demonio diffonde il suo male: la divisione, affinché i Miei figli si attacchino a vicenda.  Voi, amate i vostri fratelli ed augurate loro il bene.

Popolo Mio, Mia Madre non esige che siate Suoi figli, ma dona il Suo Amore a ciascuno di voi.  Per questo vi invita a rimanere alla Mia Presenza, non da spettatori, ma con l’assunzione di responsabilità da parte di ciascuno di voi di salvarvi l’anima e di essere parte attiva nella salvezza del fratello.

Mia Madre non si è allontanata da voi Suoi figli, per questo vi sta accompagnando e vi svela la grandezza del Suo Impegno, del Suo Amore, del Suo “Sì” e vi chiama affinché ciascuno pronunci quel “sì” alla Nostra Volontà, affinché non vi neghiate la Salvezza Eterna.

NON TRASCURATE I MIEI APPELLI. NON LASCIO CHE IL MIO POPOLO CAMMINI DA SOLO. VI INVIERÒ IL MIO ANGELO DI PACE, AFFINCHÈ VI PROTEGGA E VI ILLUMINI IL CAMMINO, POICHÉ IL MIO AMORE E LA MIA LUCE NON SI
ESTINGUERANNO IN LUI.
 
Dovete essere fedeli alla Mia Casa, dovete rimanere attaccati alla Mia Verità, alle Legge Divina, non a quella che gli uomini faranno sorgere in mezzo al caos, che sta penetrando e crescendo tra l’umanità. Non dimenticatevi che ogni sforzo per vincere il male è un atto d’amore nei confronti della Nostra Trinità ed un segno d’amore nei confronti di Mia Madre. 

Amato Popolo Mio:

MIA MADRE È LA MADRE DI CIASCUNO DI VOI, LEI VI AMA CON AMORE INFINITO.  

Vi benedico.
Il vostro Gesù.
 
AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO
AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO
AVE MARIA PURISSIMA, CONCEPITA SENZA PECCATO


COMMENTO DELLO STRUMENTO
 
Fratelli / sorelle:

Il nostro amato Signore Gesù Cristo, ci impregna di Amore Divino per Colei che è Sua e nostra Madre. Lui è l’Uomo Dio, il nostro amatissimo Signore Gesù Cristo, che non risparmia Parole e Riconoscimenti per Sua Madre, che è anche nostra Madre.

In questo giorno in cui festeggiamo la Madonna di Guadalupe, il Cielo stesso sta dicendo a tutta l’umanità: “LEI È QUI, È LA MADRE DI TUTTI GLI UOMINI, ASCOLTATELA.”

E con Amore Filiale e fedele a Sua Madre, Cristo ci chiede di ascoltare l’Appello della Madre e di essere, non solo servitori del Cielo, ma allo stesso tempo che ciascuno sia servitore dei propri fratelli.  

È così:
 “«Se alcuno vuol essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti».
(S. Marco 9, 35)
 
E NONOSTANTE QUESTA APPARIZIONE DELLA MADONNA DI GUADALUPE SIA ANTECEDENTE AD ALTRE DI GRANDE IMPORTANZA, RIASSUME, ANTICIPANDO LE APPARIZIONI SUCCESSIVE, LA GRANDEZZA DI NOSTRA MADRE, CHE NOI VENERIAMO E LE MOLTEPLICI SCOPERTE EFFETTUATE DALLA SCIENZA SU QUESTO AYATE, CI DICONO CHE IL MESSAGGIO È PER QUESTO MOMENTO, PER QUESTO POPOLO DI DIO.

Non dimentichiamoci che Nostra Madre continua ad attenderci, andiamo da Lei ed addentriamoci in quell’Amore Materno che ci sta offrendo e che viene riaffermato da Cristo.

Amen.


 
 
 
FESTA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA SANTISSIMA
8 DICEMBRE

Mi unisco a questa Festa e condivido con voi:

Una giovane ebrea diventò la Madre del Verbo… ed ora è venerata da moltitudini. 

La Madonna non si dispose solo ad ascoltare quella che era la Volontà di Dio, ma anche a fare quanto le veniva chiesto. Al di là di questa disponibilità, dobbiamo vedere questa fanciulla decisa a correre i rischi implicati nell’essere Madre in quel tempo e nelle sue condizioni di quel momento. 

Al di là dell’intervento Divino e diretto su Giuseppe, il Suo Sposo, dobbiamo vedere nel Cuore della Giovane Maria, non solo la predestinazione, ma anche la capacità di vedere in tutto ed in tutti quel qualcosa in più che gli altri non riuscivano a compenetrare… LEI VIVEVA L’AMORE PER DIO IN MODO SPECIALE.

Evochiamo il momento in cui Maria passa dall’essere la Giovane Maria, Sposa di Giuseppe, ad essere LA MADRE DEL VERBO. 

Immergiamoci nel Suo Ventre, cessando di essere solo spettatori come abbiamo fatto finora, per accettare l’invito infinito del Padre Eterno che ha mandato il Suo Figlio amato a redimere tutta l’Umanità.

In queste Parole, è contenuta la diretta implicazione di prendere misticamente parte alla gestazione nel Ventre di Colei che, da quel momento, è diventata Nostra Madre. 

Quel Vaso Immacolato, per essere stata scelta quale Madre dell’Uomo Dio, ha in sé più che la Grazia.

Nel suo essere si muovono e contemporaneamente si coniugano, tutti i bisogni di una persona consapevole di vivere, in quanto essere umano, l’approfondimento dell’impronta Divina in tutta la sua portata, l’impronta viva e palpitante in tutta l’Opera della Creazione.
 
Maria Santissima non si esime dal mostrare le Sue Virtù, ma nella Sua semplicità c’è tutto il Suo affidamento, totale e talmente profondo che non deriva da nessuna previa analisi o esame, ma avviene per Amore.

L’Amore è il primo segno distintivo in base al quale vengono poi concessi in aggiunta doni e virtù, senza ostentazioni, senza tanto rumore, ma nel medesimo SILENZIO DI DIO, NEL QUALE L’ANIMA PENETRA NELLA COMUNIONE DIVINA… E LA MADONNA È COSÌ CHE PRONUNCIA IL SUO: SÌ!

In quel Ventre Benedetto alberga il grande MISTERO D’AMORE che si svelerà sulla Croce.
 
Addentriamoci in questa Benedetta Maternità, considerando come la Madonna sia protagonista con Gesù stesso, in unione con Suo Figlio. Lei è lì, “presente” in tutta la vita di Gesù, non si eclissa mai del tutto, ma Gli è sempre vicina, come una stella fugace, lasciando la Sua Impronta Materna sul cammino della Vita Pubblica di Cristo.

Il Cuore del Figlio batte con il Cuore di Sua Madre ed il Cuore della Madre batte nel Cuore del Figlio ed entrambi vivono nella Divina Volontà.

Non dobbiamo considerare Nostra Madre una spettatrice nella vita di Suo Figlio, Lei è sempre presente come la luce di un lampo improvviso, presente nel trasmettere la Forza Materna al Figlio, che non si separa da Sua Madre, ma La guarda e con un uno sguardo i Loro Cuori si dicono di più che con mille Parole.

La concezione dell’uomo sulla Verità della grande figura della Madre di Cristo e Madre Nostra, è talmente limitata, che vede nelle Parole di Gesù: “Che ho da fare con te, o donna? Ancora non è giunta la mia ora. (S. Giov.2, 3-4), una negazione prima dell’affermazione che Lei ed il Figlio confermano in quel momento: CHE LORO SONO UNITI E QUINDI PIÙ CHE DI UN VINCOLO, SI TRATTA DI UN PALPITARE ALL’UNISONO.

La Madonna non è stata scelta solo per provvedere alle necessità basilari dell’Uomo Dio, ma la Sua scelta va oltre, si mantiene fino alla fine dei tempi, è una compenetrazione che trascende tutto, poiché loro non sono solo uniti nella carne, ma nello Spirito.  La Madonna non crolla con la morte di Suo Figlio, perché il Suo Cuore risuscita con Lui ed illumina tutta la Chiesa, riunendo i discepoli e diventando la Porta attraverso la quale la Chiesa è passata e passerà per giungere a Cristo.

Per questo, dal Suo “Sì” fino alla Sua partenza per la Casa Paterna, è Maria Santissima che chiama, che ama e che riunisce quelli di noi che, con amore e bisognosi di quel Cuore Purissimo, la chiamiamo Nostra Madre, affinché non ci abbandoni e continui ad essere protagonista nella nostra vita, Lei che ha ricevuto la benedizione di portarci per Mano fino a Suo Figlio: il Protagonista e lo Spettatore della nostra vita.

Non si può vivere confortevolmente, senza abbandonare le comodità e contemporaneamente occupare il posto che è stato assegnato ad ogni persona nel grande Piano di Salvezza di Dio.

Questo compito va al di là del rendersene conto o di proporsi di rispettare i Comandamenti della Legge di Dio.

Ciascuno di noi è necessario, al fine di mantenere l’armonia della Sinfonia Divina nell’opera della Creazione, all’interno della quale pesa la volontà di ogni singola persona, e pesa al punto che le azioni ed i comportamenti di un solo essere umano possono causare il caos nell’universo stesso.
 
Quindi, non dobbiamo solo essere ripetitori degli atti di Nostro Signore, ma anche mettere in pratica le Sue Opere ed i Suoi Atti, di modo che in questo momento diamo alla Regina della Creazione, il posto che Le spetta nella GRANDE OPERA DI DIO.                                    
 
Luz de Maria